Un’altra vita persa sul lavoro. Operaio della provincia di Bergamo morto oggi in un cantiere a Varese

Tempo di lettura: 1 - 2 minuti

Dopo la notizia dolorosa di un'altra vita persa sul lavoro in edilizia, quella dell’operaio bergamasco morto oggi, 8 maggio, in un cantiere in provincia di Varese, intervengono Alessandro Genovesi, segretario generale della FILLEA-CGIL nazionale, e Ivan Comotti, segretario generale della stessa categoria in Lombardia.

I due sindacalisti nazionale e regionale esprimono alla famiglia Oldrati la loro vicinanza per la scomparsa di Marco, operaio che in passato, in un precedente posto di lavoro, si era distinto nell'attività sindacale come delegato della FILLEA-CGIL di Bergamo nell'azienda in cui lavorava.
“Il suo impegno deve essere per noi monito per raggiungere l'obiettivo di non morire più sul lavoro. Per interrompere le morti nei cantieri, per contrastare il caporalato e il dumping contrattuale tra imprese, è dal 2018 che chiediamo unitariamente con FENEAL e FILCA alla giunta di Regione Lombardia una legge che introduca l'obbligo della timbratura, con la tessera sanitaria, dell'inizio e della fine dell'orario di lavoro per tutti i lavoratori che operano nei cantieri edili. È da tempo che chiediamo che la formazione per la sicurezza sul lavoro venga fatta dalle scuole edili a tutti i lavoratori che stanno sui cantieri. Si deve inserire la patente a punti per le imprese. Proposte, queste, concrete che provengono dalla vita quotidiana del cantiere. L'infortunio mortale avvenuto oggi a Varese ribadisce che dobbiamo agire urgentemente in termini legislativi per quanto riguarda le istituzioni e nell'applicazione delle norme negoziali per quanto riguarda le nostre controparti. Il tempo delle analisi, dei tavoli congiunti e delle riflessioni è terminato. La drammatica sequela di infortuni sul lavoro di questi giorni narra che il settore edile è in espansione economica ma non ha cambiato il precedente paradigma: la prevenzione degli infortuni è sempre considerata come un costo, l’esternalizzazione dei lavori continua anche ora, come anche la concorrenza senza il rispetto dei norme contrattuali e legislative, e con il massimo ribasso negli appalti per aggiudicarsi i lavori. Dobbiamo cambiare la mentalità e il paradigma del comparto edile”.

Via Garibaldi, 3 - 24122 Bergamo (BG)

SOCIAL

LINK

CGIL di Bergamo - Copyright © 2021 | C.F: 80020770162 | Cookie Policy

Cerca