Lavoro

Importi ammortizzatori sociali anno 2021 (massimali INPS)

Con la circolare n.7 del 21/01/2021 l'INPS ha fissato gli importi massimi degli ammortizzatori sociali per l'anno 2021. Poiché l'indice ISTAT per il costo della vita ("FOI: Costo della vita per famiglie di operai e impiegati al netto dei tabacchi") è risultato, per l'anno 2020 negativo, pari a -0,3%, gli importi dei massimali sono rimasti immutati.

CASSA INTEGRAZIONE
per retribuzione inferiore o uguale a € 2.159,48, indennità massima di € 998,18 (netto 939,89*)
per retribuzione superiore a € 2.159,48, indennità massima di € 1.199,72 (netto 1.129,66*)

CASSA INTEGRAZIONE SETTORE EDILE
per retribuzione inferiore o uguale a € 2.159,48, indennità massima di € 1.197,82 (netto 1,127,87*)
per retribuzione superiore a € 2.159,48, indennità massima di € 1.439,66 (netto 1.355,58*)
(*) per importo netto si intende l'importo senza i contributi, ma sul quale vanno comunque effettuate le ritenute fiscali

INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE NASPI
la retribuzione da prendere a riferimento per il calcolo delle indennità di disoccupazione NASpI è pari a € 1.227,55 (€ 1.335,40 nei casi di malattia o maternità)

INDENNITÀ DIS-COLL
importo massimo € 1.335,40 (retribuzione di riferimento € 1.227,55)

DISOCCUPAZIONE AGRICOLA
confermati i massimali 2019: € 1.199,72 (massimale più alto) e € 998,18 (massimale più basso.

NB per quanto riguarda l'esenzione dal pagamento dei ticket sanitari in Lombardia, i lavoratori in cassa integrazione straordinaria (compreso il contratto di solidarietà), la somma di indennità più eventuali stipendi non deve superare i massimali 2021. Il codice di esenzione è E13.

Via Garibaldi, 3 - 24122 Bergamo (BG)

SOCIAL

LINK

CGIL di Bergamo - Copyright © 2021 | C.F: 80020770162 | Cookie Policy

Cerca