Notizie Federconsumatori

Campagna vaccinazioni Covid (delle anti-influenzali non si parla più)

Tempo di lettura: 1 - 2 minuti

I cittadini che hanno letto il programma delle prossime vaccinazioni “Covid” previste in Lombardia si pongono alcune domande:

  • diamo per acquisito che i vaccini saranno a disposizione in numero sufficiente per tutti?
  • le percentuali previste di “vaccinati” sono da intendersi a livello nazionale o cosa?
  • dato che il vaccino richiederà la doppia somministrazione entro tre settimane dalla prima… quali e quanti saranno gli “incroci” tra chi si sottoporrà al primo vaccino e chi avrà il richiamo per il secondo?

Non si sa quando e se partirà una campagna di informazione, a una voce sola, che spieghi ai cittadini perché si debbano rispettare le regole sui comportamenti da tenere in attesa della vaccinazione necessaria a contrastare il diffondersi dei contagi.
Non si sa ancora se ai medici di base sarà proposto di erogare le vaccinazioni in ambulatorio o presso siti dedicati, se i medesimi accetteranno di farlo, se sarà possibile vaccinarsi anche in farmacia, se, vista la crisi pandemica, saranno autorizzati a vaccinare anche i veterinari.
Da chi ci governa vorremmo informazioni sincere e non vaghe promesse.
Da chi ci amministra localmente, ed ha la responsabilità di tutelare la salute dei cittadini, vorremmo sapere se e quali azioni sono in corso per rendere possibili le vaccinazioni nel momento in cui ci sarà la disponibilità di vaccini.
La sgradevole sensazione che si prova è che ci stiano raccontando soltanto vaghe idee. Col rischio di offrire pretesti a quei negazionisti che fan credere sia più pericoloso il vaccino che il Covid in espansione.

Via Garibaldi, 3 - 24122 Bergamo (BG)

SOCIAL

LINK

CGIL di Bergamo - Copyright © 2021 | C.F: 80020770162 | Cookie Policy

Cerca